[6/6/2019] - Comunicato Stampa n. 7/2019

L’Amministrazione Comunale di Seveso ha preso una decisione importante relativamente al problema del sovraffollamento della scuola primaria “Enrico Toti” di via Gramsci, a Baruccana, che nell’anno scolastico 2019/20 avrebbe dovuto ospitare 20 classi, ampiamente oltre il numero autorizzato dal Comando provinciale dei Vigili del Fuoco. Dopo aver ascoltato dirigenti e rappresentanti della scuola, e aver svolto le opportune verifiche riguardo alle tre possibili soluzioni provvisorie in attesa della realizzazione dell’ampliamento dell’istituto, previsto nei prossimi anni, l’Amministrazione Comunale ha optato per la creazione di un distaccamento presso la scuola secondaria “Leonardo da Vinci” a Seveso Centro.

 

“Nell’edificio di via Alcide De Gasperi – dichiara il Sindaco, Luca Allievi – sono presenti 9 aule attualmente libere e a norma rispetto alle prescrizioni in tema di sicurezza. La soluzione che prevedeva il distaccamento della ‘Toti’ presso l’oratorio della Parrocchia di Baruccana è stata accantonata perché la nostra Amministrazione ha fatto proprie alcune delle criticità emerse nel corso dell’incontro tenuto lo scorso 23 maggio coi dirigenti e i rappresentanti della scuola. La terza soluzione, ossia l’utilizzo di moduli prefabbricati da posizionare nel cortile della ‘Toti’, non è attuabile per la mancanza di alcuni indispensabili requisiti di sicurezza, oltre che per i costi elevati; solo per citare i due dati più significativi, con l’aumento a 20 del numero delle classi presenti nel plesso la classificazione antincendio cambierebbe costringendo l’Ente a eseguire immediatamente una serie di importanti interventi peraltro già previsti nel progetto di ampliamento del plesso; inoltre, il noleggio di moduli prefabbricati, oltre a creare ulteriori problematiche, costerebbe complessivamente circa 200mila euro, un onere che la collettività non deve sobbarcarsi per permanere in una situazione fuori norma. Al contrario, la creazione di un distaccamento presso la scuola secondaria ‘Leonardo da Vinci’ permetterà di ospitare gli alunni in una situazione regolare, oltre a essere una soluzione più economica. Peraltro l’Amministrazione Comunale verrà incontro alle richieste delle famiglie mettendo a disposizione un servizio di navette gratuito per gli alunni interessati dallo spostamento. Riteniamo dunque di aver preso la miglior decisione possibile nell’interesse della collettività in generale, perché la soluzione adottata coniuga il bisogno di sicurezza per i nostri bambini alla praticità, soprattutto alla luce delle recenti notizie positive che abbiamo ricevuto relativamente ai finanziamenti per la realizzazione del progetto di ampliamento della scuola di via Gramsci. Comprendiamo il disagio per gli alunni che saranno dislocati fuori sede e i loro genitori, ma porremo il massimo dell’attenzione a ogni loro piccola e grande necessità che dovesse emergere nei prossimi mesi”.