[2/2/2007] - Piattaforma ecologica, via al rinnovo

Non solo rifiuti. Presentato mercoledì il piano di ottimizzazione della piattaforma ecologica di Seveso: previsti lavori di miglioria che che permetteranno di adeguarsi ai canoni per il rinnovo della certificazione provinciale. 

Gli assessori Renato Alari dei Lavori pubblici e Marzio Marzorati dell´Ecologia hanno elencato i risultati finora ottenuti dalla collaborazione con la SIB spa, l´azienda che si occupa della gestione dei rifiuti urbani di Seveso e di cui il Comune è azionista.

Alari, il cui settore ha sovrainteso il progetto della piattaforma, ha ringraziato la SIB "per gli importanti risultati conseguiti in questi anni", e Marzorati ha fornito alcuni dati al riguardo: in 8 anni di attività, la raccolta differenziata si è raddoppiata, passando dal 28% del 1999 all´attuale 57%, con 24 frazioni di rifiuti differenziati. Inoltre le entrate della tassa rifiuti pagata dai cittadini ora coprono completamente i costi di gestione, senza ulteriori spese. Un sistema che si è perfezionato col tempo e la cui efficienza verrà incrementata dai nuovi lavori.

Gli interventi di miglioria sono stati illustrati da due rappresentanti della SIB: Gaetano Sala, direttore per l´igiene urbana e Ruggiero Dascanio, responsabile tecnico e direttore della piattaforma ecologica.

Innanzitutto si procederà ad una razionalizzazione delle vie interne alla piattaforma con l´abbattimento di un terrapieno, per non far interferire il traffico in entrata e quello in uscita. Con un opportuno posizionamento di cancelli elettrificati, verrà tagliata fuori dal territorio della piattaforma l´antenna di ricezione Tim, evitando così problemi gli attuali problemi di accesso. Quanto ai rifiuti, verrà razionalizzata la disposizione dei cassoni lungo il percorso, mentre i RUP, cioè i rifiuti urbani pericolosi (come neon, pile usate, bombolette spray e vernici) verranno concentrati  in fondo all´area e coperti. Si realizzerà poi una pavimentazione in cemento armato per i cassoni dell´umido, il rifiuto più pesante, in modo che non ceda sotto il loro peso.

L´attuale struttura che ospita l´ufficio verrà spostata e adibita a piccolo magazzino e servizi igienici, e sostituita da una nuova, più ampia, per accogliere attrezzature e i kit da distribuire ai cittadini. Ristrutturazione anche per gli impianti sotterranei: rete fognaria, elettrica (potenziamento dell´illuminazione), idrica.

La fase di appalto per l´affidamento dell´opera pubblica delegata durerà fino a inizio marzo. Dopo l´assegnazione, i lavori dovranno essere tassativamente finiti entro 90 giorni, indicativamente per la fine di giugno che è il termine posto dalla Provincia per ottenere la nuova certificazione. La base d´appalto è di 159.234,27 euro: il costo totale, comprensivo di spese tecniche, imprevisti, progettazione, è stato stimato in 220.327,67 euro.   


Raffaella Turati