[15/5/2007] - Conto alla rovescia per la ´Pink Green Drink´

Non serve avere il fiato di un maratoneta: tutte le donne, di qualunque età e forma fisica, possono e devono partecipare alla prima edizione della "Pink Green Drink", la camminata non competitiva a passo libero che si svolgerà il 27 maggio con partenza dal Bosco delle Querce. L´evento,al suo esordio in città, è organizzato dall´assessorato allo Sport in collaborazione con la Ginnastica Sampietrina e il Marathon Club Seveso.

Un pomeriggio all´aria aperta che vede protagoniste le donne ma che non dimentica bambini e mariti. Il ritrovo per tutti è alle 14 all´interno del Bosco delle Querce. Da qui il percorso si svolgerà per un massimo di due ore su strade miste boschive, tratti collinari e panoramici, alla scoperta dei tesori verdi della città. Lungo il tragitto sarà allestito anche un punto di ristoro e per tutte le partecipanti è garantita l´assistenza saniaria della Croce Bianca di Seveso. L´iscrizione per tutti è gratuita e si effettua alla partenza.

Mentre l´onda rosa sarà in marcia, gli uomini verranno intrattenuti insieme ai più piccoli dall´animazione a cura della Ginnastica Sampietrina,all´interno di una tensostruttura realizzata per l´occasione. Per completare la manifestazione, alle 16.30 i bambini sono invitati ad assistere alla "Zanzafiaba", la favola della zanzare, portata in scena da Musicamorfosi nell´ambito del progetto "il ciclo della vita".

"E´ la prima volta che la nostra città sarà percorsa da una lunga carovana al femminile e sono sicuro che l´impatto sarà molto suggestivo - ha affermato Marco Mastrandrea, assessore allo Sport -. Per partecipare a questo evento pensato per le donne, servono solo un paio di scarpe da ginnastica e la voglia di vivere un´esperienza nuova all´aria aperta, magari esplorando zone poco conosciute del nostro territorio. La Pink Green Drink vuole però essere un momento di aggregazione per tutti, grandi e piccini, per questo abbiamo pensato ad attività di ricrezione adatti a tutta la famiglia. Vi aspettiamo numerosi".

Silvia Galimberti