[13/6/2019] - Torri piezometriche in demolizione

Nella mattinata di lunedì 17 giugno sarà avviata, su autorizzazione della Giunta Comunale del maggio 2018, la demolizione della torre piezometrica di via Monte Bianco, all'Altopiano. Lo ha annunciato BrianzAcque, l'azienda pubblica che si occupa del ciclo idrico integrato nella Provincia di Monza e della Brianza e che dunque ha in gestione il manufatto.

La torre piezometrica di via Monte Bianco, così come altre 12 torri simili gestite da BrianzAcque, compresa quella di via Trento e Trieste, a Baruccana, sono diventate inutili perché superate da sistemi di pompaggio più moderni ed efficienti. Il serbatoio pensile all'Altopiano sarà il primo a scomparire dallo skyline brianzolo. Quindi toccherà a quello di via Trento e Trieste. Il manufatto di Barlassina, in via Rossini, completerà il primo "step" degli interventi calendarizzati per il 2019, mentre il termine per il completamento dell’intera operazione è fissato entro il 2023.

Le torri dell’acquedotto saranno rase al suolo utilizzando la tecnica meccanica più tradizionale, con il taglio a blocchi della struttura partendo dalla sommità dell’edificio, adeguatamente ingabbiato e protetto da un ponteggio. Una volta a terra, le porzioni di materiali asportate non verranno disintegrate in loco, ma trasferite in luoghi idonei per la riduzione in macerie e il successivo smaltimento.

A Seveso le due superfici “liberate” dalla presenza dei serbatoi resteranno in gestione a BrianzAcque e saranno sistemate a verde. In via Trento e Trieste l’area risulterà completamente sgombra mentre in via Monte Bianco resterà in piedi il piccolo edificio attualmente alla base della torre dove sono alloggiate le apparecchiature tecnologiche necessarie al funzionamento e alla gestione del pozzo esistente.