[15/5/2009] - Firmato il ‘Patto Sicurezza’

Si è costituito ufficialmente il 12 maggio sotto l´egida del Comune di Seveso, il Comitato organizzatore denominato "Patto Sicurezza".

Per la firma dell´atto costitutivo e dello statuto, si sono riuniti in Comune Enrico Balzaretti, presidente pro-tempore dell´Unione CTSP della Provincia di Milano - Associazione Territoriale di Seveso, Giovanni Barzaghi, Presidente dell´Associazione Artigiani, Giampietro Barazzetta, consigliere dell´Associazione Cristiana Artigiani Italiani - Milano, Giuseppe Corbo, presidente dell´Associazione Nazionale Carabinieri in congedo, Alfredo D´Andrea, direttore dell´Agenzia delle Entrate di Desio, don Luigi Piatti, parroco della Chiesa Prepositurale SS Protaso e Gervaso. A fare gli onori di caso in Comune il sindaco dott. Massimo Donati.

Il Comitato avrà lo scopo di organizzare iniziative inerenti la sicurezza nella Città di Seveso, quali progetti di sensibilizzazione, di formazione, di volontariato, funzionali all´attività principale di raccolta fondi per l´acquisto di beni necessari all´ottimale funzionamento della nuova Caserma dei Carabinieri, in collaborazione con le Istituzioni e le Forze dell´Ordine locali.

La finalità principale è infatti quella di reperire fondi per l´acquisto degli arredi della nuova caserma. Per questo il Comitato curerà ogni altra iniziativa collaterale, ritenuta utile o necessaria e svolgerà tutte quelle attività finanziarie ed imprenditoriali per raggiungere lo scopo.

Il Comitato non ha finalità lucrative, è apolitico e apartitico ed i suoi componenti si impegnano a collaborare di concerto per il conseguimento delle finalità.

Il Comitato avrà durata limitata al raggiungimento del suo scopo, raggiunto il quale, il Consiglio Direttivo delibererà il suo scioglimento.

"Si tratta di un´importante iniziativa - sottolinea il sindaco - per portare avanti un progetto che sta a cuore all´intera cittadinanza. La sicurezza è uno dei punti chiave del nostro programma. Grazie al Comitato promotore incentiveremo le iniziative sul territorio non solo per raccogliere fondi ma per creare momenti di incontro finalizzati a coinvolgere i cittadini sui temi della sicurezza".