Progetti a confronto

 
Un confronto tra progetti, analizzando molto realisticamente i pro e i contro, come insegna il più tradizionale metodo comparativo, per offrire strumenti di valutazione concreti. E´ quello che hanno fatto i due tecnici di Ferrovie Nord, Roberto Ceresoli, vicedirettore operativo, e Marco Mariani, direttore delle divisione Ingegneria, intervenuti nella serata che ha visto ospite l´assessore regionale Cattaneo.

"Ferrovie Nord subisce dalla Regione la duplice pressione di offrire più treni e nello stesso tempo aggiornare le infrastrutture su tutta la linea - ha spiegato Ceresoli -: con la creazione del quarto binario fino ad Affori stiamo inseguendo questo risultato. Nel 2007 per Seveso abbiamo già in programma tre interventi importanti: spostare i treni in arrivo da Camnago sul binario 1, per rendere più veloce la loro corsa, ottimizzare le sequenze delle corse per evitare lunghi periodi in cui le sbarre rimangono abbassate. Infine realizzare un sottopasso pedonale da via Corridoni".

Sul fronte delle soluzioni per gli attraversamenti ferroviari, i tecnici delle Nord hanno preso in analisi le due opzioni, sottopasso e interramento in trincea, mostrando per ciascuno ipotesi progettuali, tempi, costi e impatto. "La soluzione dell´interramento in trincea è fattibile - ha dichiarato Mariani - ma lo scenario è questo: per la realizzazione del tunnel occorre creare ex novo un binario parallelo dove viaggerebbero solo i treni Regionali, mentre quelli Suburbani si fermerebbero a Cesano Maderno. In corso Matteotti e non solo, questo significherebbe rinunciare per un decennio alla strada: il disagio nel territorio sarebbe notevole. Sul fronte economico, l´intervento costa 90 milioni di euro, mentre un sottopasso completo non supera i 4,5 milioni di euro. Sui tempi, poi, bisogna considerare non meno di 10 anni, contro i 3 del sottopasso".

Secondo gli ingegneri di Ferrovie Nord, l´ipotesi di un sottopasso a Sud, al confine con Cesano Maderno, non solo non sarebbe incompatibile con un futuro interramento ma rappresenterebbe addirittura un´opera di completamento viario fondamentale.