Un grazie ai compostatori domestici

 
Si è concluso il corso rivolto ai cittadini che intendono avviare la pratica del compostaggio domestico: oggi sono 555 le famiglie che hanno in giardino la campana del compost, permettendo un risparmio di 80 tonnellate nello smaltimento della frazione organica.

Oltre alle abitudini virtuose di tutti i cittadini nella differenziazione dei rifiuti, bisogna infatti rendere merito ai compostatori che concorrono alla riduzione della produzione di rifiuti della città. Grazie a questo duplice fattore positivo, alla fine del 2007 la raccolta differenziata dei rifiuti ha raggiunto a Seveso il 59.40 % (la media della Regione è del 43,7%).

"La gestione corretta dei rifiuti è una prova di civiltà - ha scritto alle famiglie l´assessore Marzio Marzorati - e allo stesso tempo di sviluppo economico. L´industria dei rifiuti è cresciuta nel periodo tra il 2000 e il 2004 del 5% contro il 3.8% dell´industria. La raccolta differenziata infatti permette un buon utilizzo delle risorse: plastica, alluminio, carta, vetro, legno, metalli".

Nel 1998 il Comune era fermo al 25% nella differenziazione dei rifiuti. L´obiettivo raggiunto è quindi di notevole importanza soprattutto considerando che in Italia, tra i Comuni al di sopra dei 10.000 abitanti, Seveso è all´85° posto.

"Inoltre riciclare i rifiuti significa anche salvare il clima - ha aggiunto Marzorati -. Il riciclaggio e il recupero di rifiuti di imballaggio hanno determinato in Europa nel 2002 una riduzione dei gas a effetto serra di circa 25 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti, risparmiando circa 10 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio".