Giornata Nazionale della Legalità

 

Oggi, sabato 23 maggio 2020, è il 28° anniversario della strage di Capaci, in cui il giudice Giovanni Falcone, la moglie e tre uomini della scorta persero la vita per mano della mafia. Quasi due mesi dopo, il 19 luglio, anche il giudice Paolo Borsellino con cinque uomini della scorta venne assassinato a Palermo dalla malavita organizzata.

Chi ha vissuto quegli anni tragici per il nostro Paese non può non ricordare con inquietudine l’angoscia di quei giorni d’estate, quando lo Stato sembrava in balìa di un nemico feroce quanto vigliacco, di un sistema criminale e selvaggio, dove l’umanità non era, e non è, di casa.

Chi non era ancora nato o era troppo giovane per provare le terribili sensazioni provate dalla gente perbene deve sapere e ricordare chi erano i martiri della giustizia, i paladini dell’Italia onesta e laboriosa, quei giudici e quegli agenti che con altissimo senso del dovere non arretrarono di un millimetro di fronte alle minacce e al pericolo incombente di essere annientati, lasciando per sempre i propri cari vedovi e orfani.

Il Comune di Seveso oggi non organizzerà cerimonie perché nell’attuale momento di emergenza epidemiologica è assolutamente necessario ridurre al minimo le occasioni di assembramento ai fini di contenere la diffusione del “coronavirus”. Questo non significa che lascerà passare senza un ricordo l’anniversario di queste terribili perdite umane e anche simboliche della nostra Nazione che resisteva agli attacchi delle mafie dopo aver resistito con grandi sacrifici agli attacchi delle organizzazioni terroristiche, anch’esse feroci e vigliacche. L’invito che rivolgiamo a tutti i cittadini, e in particolare ai più giovani, è di andare a leggere chi erano Falcone e Borsellino e di quello che hanno fatto questi eroi per la nostra Patria, per la difesa dei più alti valori su cui si fonda la nostra società.

Riprendendo il collegamento voluto da Maria Falcone, sorella del giudice, tra i servigi resi al Paese dai magistrati anti-mafie, dai loro collaboratori e dalle loro scorte e i servigi resi da medici, infermieri e volontari in questi mesi di emergenza sanitaria, la giornata di oggi dev’essere un’occasione per tributare un affettuoso e riconoscente abbraccio virtuale a tutti coloro che col loro straordinario senso del dovere ci rendono orgogliosi di appartenere alle nostre piccole e grandi comunità che compongono la nostra Nazione.

Falcone e Borsellino saranno sempre nei cuori dell’Italia migliore, quella onesta, quella della legalità.

#ilcoraggiodiognigiorno