[4/2/2008] - Una rete per curare gli anziani fragili

Giovedì 7 febbraio nell´aula magna della scuola "L. Da Vinci" in via De Gasperi alle ore 21.00 sarà presentato alla comunità il progetto "In-formare la rete che cura l´anziano fragile" promosso  dal Centro di Ascolto della Caritas decanale in collaborazione con l´Assessorato alla Famiglia e Solidarietà Sociale del Comune di Seveso e con il sostegno della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza.

L´incontro di giovedì 7 febbraio rappresenta l´avvio di un progetto innovativo nel campo della cura e del sostegno degli anziani e delle anziane in difficoltà ("fragili"), nato due anni fa dal dialogo avviato tra il Centro di Ascolto e l´ufficio Servizi sociali del Comune.  Il primo incontro, condotto dallo psicologo Stefano Carbone, è volto alla presentazione dell´intero progetto e alla trattazione di alcune tematiche che riguardano la cura dell´anziano fragile, con l´analisi di problematiche sollevate dallo stesso pubblico.

La popolazione di Seveso si compone di circa 21.200 persone di cui oltre 3800 ultrasessantacinquenni. Il progetto parte dalla considerazione, verificata sul "campo", di quanto sia importante curare l´incontro tra assistente familiare - anziano - famiglia. Infatti, se da una parte le famiglie dell´ "anziano fragile" spesso accusano il peso della cura al domicilio del proprio congiunto e sperano di affidarsi a persone qualificate e capaci, coloro che svolgono il lavoro di cura non sempre possiedono una formazione specifica nel campo dell´assistenza.

Da qui la decisione di proporre il progetto "In-formare la rete che cura l´anziano fragile", che si articola in tre attività strettamente correlate: un percorso di "in-formazione" rivolto alla comunità, un corso di formazione per badanti e assistenti familiari, l´attivazione di gruppi di auto-mutuo aiuto per le assistenti familiari (20 appuntamenti). Il calendario completo delle date in allegato.

È un passo per costruire una "solidarietà e sussidiarietà" collettiva: per questo il percorso, pur rivolgendosi ai famigliari di persone anziane, è aperto a quanti si trovano, per ragioni diverse, prossimi all´anziano perché amici, volontari, vicini di casa, e a tutta la comunità.

Per maggiori informazioni è possibile contattare il Centro di Ascolto della Caritas in via Dante 1/A a Cesano Maderno o in via Arese 18 a Seveso (tel/fax 0362502123).

Silvia Galimberti

ALLEGATI