[26/8/2008] - Nuove convenzioni con nidi e materne

Arriveranno sui tavoli del Consiglio comunale a settembre le nuove convezioni tra il Comune, le scuole dell´infanzia e gli asili nido della città. I contenuti e le novità del rinnovo sono già state predisposti dall´assessorato all´Istruzione ed Educazione con l´ausilio della neo-nominata Commissione Istruzione, che si è riunita a luglio per la prima volta.

"L´obiettivo comune - ha affermato Luca Volpi, assessore all´Istruzione ed Educazione - è quello di tradurre l´impegno dell´amministrazione comunale in aiuti concreti alle famiglie, per consentire a tutti una reale libertà di scelta educativa. Occorre che le rette di frequenza siano accessibili a tutti, senza discriminazioni. Va in questa direzione la decisione di aumentare i contributi sia alle famiglie che agli istituti".

Per il triennio 2008-2011, infatti, le tre scuole dell´infanzia paritarie (Asilo per l´infanzia di Seveso, Scuola dell´infanzia paritaria San Pietro Martire e Scuola dell´infanzia paritaria parrocchia B.V. immacolata) riceveranno dal Comune un contributo mensile di 77 euro ad alunno iscritto e residente nel Comune di Seveso, a fronte dei 71.63 euro della convenzione in scadenza. Si aggiunge, inoltre, una quota mensile per alunni di 20 euro  - a fronte dei 15 euro dell´ultimo triennio - specificamente destinato all´abbattimento delle rette di frequenza sostenute dalle famiglie.

Una novità importante riguarda, invece, le sezioni "Primavera": le scuole, oltre ai 94.50 euro mensili di contributo (con incremento di 4,5 euro rispetto alla precedente convenzione) per ogni alunno iscritto e residente a Seveso, per la prima volta riceveranno anche un fisso di 20 euro ad alunno per l´abbattimento della retta di frequenza. Questo si tradurrà in un equivalente riduzione dei costi per le famiglie.

Per gli asili nido, invece, la convenzione sarà della durata di due anni, fino al 2010: il contributo per ciascun bambino iscritto all´asilo nido e residente in città è di 120 euro mensili per la frequenza full time e di 100 euro per quella part-time. Il progetto, per il futuro, prevede l´emissione di "buoni scuola", ovvero contributi diretti alle famiglie per parificare l´accesso a tutte le strutture presenti in città.

"Con questo accordo - ha precisato Volpi - vogliamo sostenere l´offerta dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. È sotto gli occhi di tutti il bisogno crescente delle famiglie di affidare i loro figli, fin dai primi mesi di vita, a strutture adeguate, sia private che pubbliche, e ai nidi-famiglia. In questo senso sarà preziosa l´inaugurazione della sezione Primavera della parrocchia di Baruccana, primo passo verso la nascita di un asilo nido.

"La nostra intenzione - ha proseguito Volpi - è consentire alle famiglie l´accesso ai luoghi educativi in piena autonomia di scelta. Vorremmo intraprendere la strada dei voucher per abbattere i costi delle rette. Con la scadenza della convenzione per la gestione dell´asilo nido comunale nel 2010, valuteremo inoltre l´ipotesi di affidare in toto la struttura a un soggetto esterno. In questo modo potremo impiegare i fondi oggi destinati all´asilo comunale per aumentare i contributi diretti a tutte le famiglie, in base agli indicatori Isee, come prevede la normativa vigente".

Silvia Galimberti