[5/1/2021] - Comunicato Stampa n. 2/2021

 

La Casa di riposo Padre Giovanni Masciadri ha informato il Sindaco di Seveso, Luca Allievi, che nelle ultime settimane sono salite a 22 le persone assistite presso la Residenza Sanitaria Assistenziale di Via Giovanni Fantoni decedute anche per “coronavirus” associato ad altre patologie. Il computo assomma ospiti e pazienti deceduti nella struttura con i ricoverati nei vari ospedali della zona e si riferisce sia ai residenti nel Comune di Seveso che ai non residenti. Attualmente, dei 43 anziani ospitati nella casa di riposo della Congregazione Suore Infermiere di San Carlo, i positivi al Covid-19 sono 10 (tutti in buone condizioni di salute), mentre 22 sono guariti. Altri 6 pazienti sono ancora ricoverati nelle cure subacute per terminare il percorso in attesa della negativizzazione per rientrare in struttura.

 

I parenti vengono aggiornati quotidianamente e sono stati informati dell’adesione della RSA alla campagna vaccinale antivirus per la quale si è in attesa di ulteriori comunicazioni dell’Agenzia di Tutela della Salute della Brianza per le modalità di vaccinazione.

         

“Innanzitutto esprimo le più sentite condoglianze ai familiari degli ospiti della casa di riposo che non ce l’hanno fatta a sconfiggere questo maledetto ‘coronavirus’ – dichiara il sindaco – Il nuovo anno si apre però con le rassicurazioni ricevute riguardo al fatto che i residenti nella struttura contagiati si sono in maggioranza negativizzati o sono ancora positivi ma comunque asintomatici o paucisintomatici. Nonostante il periodo festivo gli operatori della RSA stanno continuando a mantenere attenzione sulle procedure previste dall’ATS in questo genere di situazione, sia per quanto riguarda gli ospiti sia per quanto riguarda il personale. La responsabile della casa di riposo, Madre Anna Maria Gobbo, e la responsabile medico Federica Pallavicini, stanno garantendo non solo il rispetto delle regole sanitarie in vigore, ma stanno profondendo quell’amore, quella misericordia, quello spirito di fiducia che non possono mai mancare soprattutto in momenti difficili come questo in ogni comunità. Assieme a loro e al personale della struttura, attendiamo con speranza di poter rivedere i nostri cari anziani abbracciati ai loro familiari, finalmente in sicurezza. L’Amministrazione Comunale continuerà a essere al fianco della RSA nel monitoraggio della situazione e nella comunicazione della sua evoluzione alla cittadinanza”.